Chi siamo

Fondatori

I fondatori dell’A.I.R.A.S. sono stati 3 medici ed una studentessa; due di loro, nel corso del tempo, hanno preso strade diverse e dei 4 soci fondatori ne sono rimasti solamente due: Il Presidente Prof. Giampiero Giron ed il Vice Presidente e Tesoriere Prof. Francesco Ceccherelli. Nel tempo altri soci sono entrati nell’Associazione.

Mission

A.I.R.A.S. persegue primariamente la formazione, di laureati in Medicina e Chirurgia e di altre figure sanitarie, nelle Medicine non Convenzionali. A.I.R.A.S. offre in tali materie una formazione basata sulle conoscenze della Medicina Scientifica. Non persegue i punti di vista alternativi, né olistici o vitalisti o energetici. A.I.R.A.S. collabora con ricercatori e finanzia la ricerca scientifica e la divulgazione di un punto di vista complementare delle tecniche trattate.

LA MEDICINA NON CONVENZIONALE

E' definita come quell'insieme di tecniche terapeutiche non ancora sufficientemente conosciute dal punto di vista del meccanismo d'azione e dell' efficacia terapeutica. Per cui non sono collocate all'interno della Medicina Ufficiale o accademica, ovvero quell'insieme di teorie di conoscenza e di pratica che viene trasmessa nel corso degli studi universitari.

La medicina non convenzionale si configura come un insieme di idee e di pratiche molto diverse e fra loro, eterogenee; si passa da etnomedicine come la Medicina Ayurvedica, lo sciamanesimo o la Medicina Tradizionale Cinese, a terapie messe a punto due secoli or sono come il mesmerismo e l'omeopatia ed infine tecniche che datano non più di 30 anni, come la laserterapia.

Se volessimo considerare anche lo sviluppo scientifico all'interno di tale dinamica, ogni farmaco che viene messo a punto passa una fase sperimentale, in cui viene considerato una "terapia non convenzionale". La sperimentazione a cui viene sottoposto ogni farmaco prima del suo impiego di massa mira ad accertare oltre alle caratteristiche chimiche, biochimiche e farmacologiche di una sostanza, la sua efficacia in un determinato processo morboso e, soprattutto, delineare con la massima chiarezza i danni provocati da tale principio farmacologico.

Vi sono inoltre delle tecniche terapeutiche che vengono considerate dai praticanti delle vere e proprie Medicine "altre", il cui impianto teorico differisce invece profondamente da quello della Medicina Scientifica.

Dal punto di vista della critica scientifica e dal punto di vista soggettivo di chi teorizza e applica le molte terapie, esse si dividono quindi in due gruppi:
le Tecniche complementari e la Medicina Alternativa.

CURRICULUM AIRAS